• Notizie: dettaglio notizia

    • Icona Notizie 11/08/2017

      Avviso taglio siepi, rami sporgenti e mantenimento decoro urbano

      DISPOSIZIONI PER IL TAGLIO DELLE SIEPI E DEI RAMI SPORGENTI AI MARGINI DELLE STRADE PUBBLICHE E VICINALI DI USO PUBBLICOE PER IL MANTENIMENTO DEL DECORO NEI CENTRI URBANI

                                                                                                IL COMMISSARIO STRAORINARIO

      CONSIDERATO che nell'ambito del territorio comunale vi è presenza di aree incolte e terreni posti lungo le strade pubbliche, sia all'interno che all'esterno del centro urbano, in cui predomina l'abbandono e l'incuria da parte dei proprietari, con presenza di rovi,

      erbacce, arbusti che sono fonte di pregiudizio per la pubblica incolumità e l'igiene e che determinano potenziali rischi per la circolazione stradale con conseguente grave pregiudizio per l'incolumità delle persone e dei beni;

      RITENUTO necessario avvisare tutti i proprietari dei terreni che versano in stato di abbandono di provvedere alla pulizia periodica degli stessi, con taglio delle erbe infestanti, degli arbusti e di quanto altro costituisca pericolo per l'incolumità, l'igiene

      la salute pubblica e privata;

      VISTO l'art. 892 e l'art. 894 del Codice Civile che introduce disposizioni in materia di distanze legali nella posa a dimore di piante;

      VISTI gli art. 18 e 29 del b.Lgs. n. 285 del 30.04.1992 "Nuovo Codice della Strada" recante disposizioni in materia di fasce di rispetto ed aree di visibilità

      VISTA la legge 21 novembre 2000, n. 353 in materia di incendi boschivi;

      VISTO il b.Lgs. 152/2006 in materia ambientale;

      VISTO il Testo Unico delle Leggi Sanitarie approvato con R.D. 27/07/1934 n. 1265;

      nei centri abitati nonché di piantagioni e siepi a ridosso delle strade pubbliche;

                                                                         AVVISA

      Tutti i proprietari delle aree urbane ed extraurbane che costeggiano le strade pubbliche ovvero che costeggiano

      1. Taglio della vegetazione incolta;

      2. Taglio degli arbusti

      3. Taglio delle siepi

      4. Escavazione, profilatura, ricalatura, ridimensionamento, spurgo

      c/o scarichi principali.

      Tutti i proprietari e/o conduttori di aree agricole non coltivate, di aree verdi urbane incolte, di immobili con annesse aree verdi, i responsabili di cantieri edili e stradali, i responsabili di strutture ricettive, artigianali e commerciali con annesse aree

      pertinenziali, che sono obbligati a tenere regolate le siepi vive in modo da non restringere o danneggiare le strade, a tagliare i rami delle piante che si protendono in modo da costituire pericolo oltre il ciglio stradale, come pure ad effettuare le operazioni di

      potatura e pulizia per il mantenimento della salubrità dei luoghi;

      I soggetti di cui sopra dovranno provvedere, a propria cura

      pubblica, in particolar modo provvedendo all'eliminazione di sterpaglie e cespugli, nonché al taglio di siepi vive, di vegetazione e rami che si protendono sui cigli delle strade e alla rimozione di rifiuti e quant'altro possa essere veicolo di incendio, mantenendo

      per tutto il periodo estivo, le condizioni tali da non accrescere il pericolo di incendi; detta misura è estesa inoltre ai giardini, ai cortili, agli orti etc. che dovranno essere sistemati in modo da assicurare la raccolta il convogliamento e lo smaltimento corretto

      delle acque, impedendo qualsiasi ristagno o accumulo;

      Gli uffici comunali preposti al controllo e alla vigilanza nel territorio provvederanno ad elevare le sanzioni amministrative pecuniarie previste da:

      aree e spazi pubblici di provvedere all'esecuzione die delle sterpaglie cresciute anche impropriamente nei terreni incolti in prossimità di strade comunali e vicinali o prospicienti spazi e aree pubbliche;e dei rami che si protendono sul suolo pubblico;e pulizia dei fossi e dei canali di scolo delle acque meteoriche, anche superficiali, così da favorire il regolare deflusso delle acque stesse e la loro immissione nei fossie spese, ad effettuare gli interventi di pulizia dei terreni invasi da vegetazione, mediante rimozione di ogni elemento o condizione che possa rappresentare pericolo per l'incolumità e l'igiene

      Artt. 29, 31 e 33, del Codice della Strada (b. Lgs n. 285 del 30.04.1992) e del Regolamento di Esecuzione e di Attuazione b.P.R. 16bicembre 1992 n. 495.

      Art. 192 del b.lgs. 152/2006 "Abbandono e deposito incontrollato di rifiuti

       



Sei il visitatore N.: 332454
Powered by ICT Global Service srl